Risotto Fragole e Champagne

0
62

L’umanità avanza verso il futuro muovendosi ciclicamente. La moda, la storia, le tendenze artistiche e persino il gusto, dopo un certo numero di anni tendono a riscoprirsi nella memoria.

Erano gli anni Settanta. Anni di libertà, di trasgressione, di lotte politiche. Esplodono la creatività e la voglia di progresso a tutti i costi, un decennio dalle tinte forti pieno di contraddizioni e di eccessi. Sono anni in cui si sperimenta in ogni ambito dall’arte, alla moda, dalla musica al cinema e naturalmente anche in cucina. Così nasce l’incontro tra il dolce e l’amaro, tra il basico e l’acido, la sperimentazione dei contrasti gustativi non può che vedere l’albore negli anni ’70.

Negli anni ’90 piatti come le pennette alla vodka o il risotto fragole e champagne furono considerati l’emblema della cucina da dimenticare, si odono lontani segnali di restaurazione, nei confronti di una cucina innovativa che seppe rompere gli schemi. Ma l’umanità avanza riscoprendosi nella memoria.

 

Risotto Fragole e Champagne.

Una ricetta dalla difficoltà media, un piatto che risulta essere in perfetto equilibrio tra la dolcezza delle fragole, il sapore deciso del brodo e l’aroma rotondo e morbido dello Champagne.

Risotto Fragole e Champagne

ingredienti per 4 persone

  • 320 g di riso carnaroli
  • 2 cestini di fragole
  • 1 bottiglia da 0,5 l di champagne
  • 1,5 l di brodo vegetale
  • 1 scalogno
  • 30 g di burro
  • sale q.b
  • pepe bianco q.b
TEMPO DI PREPARAZIONE 30 MINUTI CIRCA

PREPARAZIONE

Lavate bene le Fragole. Dividerne in 4 spicchi una metà e frullare l’altra metà

Soffriggere lo scalogno in un tegame con un cucchiaio d’olio ed una noce di burro. Aggiungere un filo d’acqua per far appassire lo scalogno.

Quindi aggiungere il riso facendolo tostare bene per qualche minuto.

Aggiungere un mestolo di Champagne fino ad evaporazione, quindi ripetere l’operazione alternando un mestolo di brodo vegetale ed uno di Champagne girando in continuazione il riso per 25 minuti circa, cuocendo a fuoco medio.

5 minuti prima della fine della cottura aggiungete le fragole a pezzetti e la purea di fragola..

A fine cottura mantecate con una noce di burro.

Servite ben caldo e decorate con un ventaglio di fragole fresche.

Bianco di Nera – Az. Agr. Milazzo

A questo insolito piatto colorato dal gusto agrodolce consiglio di abbinare un bianco di nera, anch’esso nato dall’incontro di vitigni assai differenzi. Il bianco Inzoliano e nero cappuccio si sposano sorprendentemente offrendo al palato un gusto dolce e morbido.

Nonno

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here