Magaggiari, una spiaggia perfetta… per le risse

0
18127

Anche ieri sera, come tutti i sabati estivi, i litigi sono stati i veri protagonisti della movida cinisense. Nello spiazzale della Spiaggia Magaggiari, ancora una volta, i presenti hanno dovuto assistere a pugni, calci, ginocchiate, occhi neri e mani sanguinanti. Come i cittadini di Cinisi e Terrasini ben sanno, questo non è il primo litigio a cui assistiamo dall’inizio dell’estate, anzi, sarà almeno il ventesimo, uno per ogni weekend, da quando è iniziata la bella stagione. Inoltre, coloro che ieri sera hanno ben pensato di ammazzarsi per strada, hanno bloccato per circa 10 minuti l’uscita dallo spiazzale, in quanto entrambi erano usciti dalle loro macchine accese per prendersi a pugni.
Purtroppo, come spesso accade, nessun esponente della pubblica sicurezza era presente, quindi nessuno è intervenuto a placare gli animi, anche se qualche istante prima, nello spiazzale sostavano due volanti dei Carabinieri che, purtroppo, erano già andate via quando il litigio è cominciato.

Questa situazione, per chi cerca di passare un sabato sera tranquillo, è diventata davvero frustrante. Non ci si può sedere un attimo in compagnia, perché bisogna controllare che non ti spacchino i vetri della macchina con le bottiglie, perché bisogna preoccuparsi di non urtare nessuno, altrimenti potrebbe arrivarti un pugno in pieno volto.
Inoltre, è davvero umiliante per noi cittadini vedere le facce dei turisti che, per paura, davanti a tali scene, scappano via dalla spiaggia con un’espressione di disappunto mista a disgusto.

Mi piacerebbe chiedere alla nostra amministrazione e alle forze dell’ordine, visto che non è possibile proibire l’accesso alla spiaggia a queste persone, quando vi mobiliterete a rendere più sicuro questo territorio? Quando potremo andare in spiaggia il sabato sera, senza preoccuparci della nostra incolumità? Quando potremo goderci una serata tranquilla senza temere per la distruzione della nostra macchina? Quando aumenteranno, anzi, più che altro, quando cominceranno i controlli? Quando metterete una pattuglia fissa in spiaggia che fermi i litigi sul nascere e che prenda le generalità di questi elementi di disturbo? Insomma, quando comincerete a preoccuparvi più della cittadinanza e meno delle futilità? Perché io, come cittadina cinisense che vive fuorisede, non voglio andare da un’altra parte il sabato sera. Voglio stare nella mia bellissima spiaggia, godermi il mio splendido paese, finalmente, dopo mesi. Voglio stare con i miei amici e, soprattutto, voglio essere al sicuro.

LASCIA UN COMMENTO

per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui