Ma la differenziata si deve fare a spese dei Cittadini?

0
571

Questa mattina gli operatori della nettezza urbana hanno lasciato in strada centinaia di sacchetti contenti carta e cartone, perché non riposti in appositi contenitori, il tutto dall’oggi al domani senza avvisare la cittadinanza con un adesivo che recita sanzione da 77€ a 462€. Una minaccia o adesso si fanno le multe tramite adesivi?

La raccolta differenziata può essere annoverata come uno dei pochi traguardi di questa amministrazione. Cinisi ha raggiunto percentuali di eccellenza soprattutto grazie ai propri cittadini, che a differenza di altri posti, riescono a differenziare con impegno. Quello che stona e che non sappiamo spiegarci è perché deve essere tutto a carico dei cittadini? Il Comune incassa grosse somme dalla TARI (tra le più care del territorio) e l’amministrazione si limita a fornire il volantino con il calendario e ad effettuare la raccolta con puntualità rispetto al passato. Per altro dai bilanci ci risulta che i conti sono in regola e ci sarebbe pure una certa capacità di spesa. Quindi perché l’amministrazione comunale non fornisce ai propri cittadini il kit per la raccolta differenziata? Cosa che avviene in tantissimi comuni, senza spendere cifre esorbitanti? Per esempio comune di Agrigento, 5 volte più grande di Cinisi, ha speso per fornire i kit ai propri cittadini 48.000 euro. Fatte le debite proporzioni la spesa annua per offrire un servizio abbondantemente pagato con la TARI ammonterebbe a meno di 10.000 per le tasche del comune, mentre a noi cittadini quanto ci costa differenziare?

Sacchetti biodegradabili per umido e organico 34€ annui

Contenitori in cartone 158€ annui

Sacchetti Trasparenti 14€ annui

Tassa sui rifiuti circa 500€ annui per per un nucleo familiare di 3 persone in una casa di 110 mq.

LASCIA UN COMMENTO

per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui