Susanna Camusso a Cinisi

0
375
dav

Continuano con un fittissimo calendario le iniziative per il quarantesimo anniversario dell’uccisione di Peppino Impastato, iniziative tematiche che ci porteranno al grande corteo di domani che partirà da radio Aut e arriverà a Casa Memoria.
Nella giornata dedicata al lavoro, Degno di nota è stato l’incontro tenutosi questa mattina, presso un’aula civica gremita:”I diritti negati: il lavoro che non c’è dopo il jobs act” a cura di CMI e CGIL dove sono intervenuti: Umberto Santino, presidente del centro di documentazione Giuseppe Impastato; Alessandro Bellavista, università di Palermo; Andrea Lassandori, università di Bologna e Modena; Enrico del Mercato capo redazione Repubblica di Palermo e Giovanni Impastato. Ma sopratutto, a dare ancora più rilevanza a questo interessantissimo convegno, la presenza del segretario nazionale della Cgil Susanna Camusso.

sdr

Il convegno ha trattato il tema del lavoro in un’ottica storica, dai fasci siciliani ai giorni nostri passando per il sessantotto e le lotte contadine dello scorso secolo, sottolineando anche l’importanza delle lotte contadine che lo stesso Peppino Impastato ha combattuto insieme ai contadini vittime degli espropri per la realizzazione della terza pista dell’aeroporto. Ma il tema centrale è stato sicuramente l’analisi del nuovo mondo del lavoro, del precariato e delle sue contraddizioni, il ruolo del sindacato e della politica in una società che cambia sempre più rapidamente e che perde la fiducia in queste istituzioni.
Nel corso della mattinata si sono susseguite alcune testimonianze di lavoratori e lavoratrici così detti atipici che hanno fatto emergere quali sono le nuove condizioni del lavoro ed hanno foto scaturire una riflessione sulle nuove tecnologie e su come il lavoro deve continuare a svolgere la sua funzione di mezzo di indipendenza dell’uomo e non di schiavitù, è appunto la rivoluzione industriale che stiamo attraversando a sollevare oggi ancora di più questo tema.
A conclusione l’auspicio che la politica del lavoro cambi e diventi una politica volta alla salvaguardia dei diritti dell’uomo e dei lavoratori e che il sindacato torni a rivestire un ruolo centrale nella difesa degli stessi.

Susanna Camusso nel suo intervento conclusivo

A seguire alle ore 16:00 sempre presso l’aula civica il convegno a cura del centro siciliano di documentazione Giuseppe Impastato “mafia e antimafia dagli anni settanta ad oggi”.

LASCIA UN COMMENTO

per favore inserisci il tuo commento
Per favore inserisci il tuo nome qui